Building Blocs. How Parties Organize Society

Does society and its cleavages influence Parties, or rather the other way around? The book I have reviewed deals with this crucial research question in Political Sociology.

Building Blocs. How Parties Organize Society. Edited by Cedric de Leon, Manali Desai, and Cihan Tuǧal, Stanford: Stanford University Press, 2015. 242p. $24.95 cloth.

pid_24999The literature on political parties’ genesis and organization is well consolidated. Do exist brilliant books on comparative politics and in political sociology alike. On one side, the contributions of Max Weber, Stein Rokkan, Seymour Lipset and Hans Daalder have settled a clear perspective on the relevance of social cleavages and structures in shaping the born and the development of political parties, especially in western countries, and in Europe in particular. On the other side, the organizational perspective to analyze political parties is well robust alike. Since the seminal works of Moisey Ostrogorsky, Robert Michels, and then Maurice Duverger, David Epstein, Valdimer O. Key, Sigmund, Angelo Panebianco, Giovanni Sartori, Peter Mair, etc., the structure of political parties has been well analyzed. Do exist comparative researches that shed light on differences and similarities of different aspects of the political organizations, such as the leadership, the role of members and activists, and the funding.  Continua a leggere

The Italian Constitutional Referendum

The Italian Constitutional Referendum: Political and Institutional Consequences of a Striking “NO”

my article on Fruits&Votes blog
The electoral results of the constitutional referendum have led to the Prime Minister’s resignation. But let us consider what happened before.

48_referendumOn December 4th 2016, Italian voters expressed their vote on a referendum about constitutional reforms. This was the third referendum of its kind in Italy, with the other two held in 2001 and 2006. The two options presented to voters this time were related to the approval or rejection of the reform promoted by Matteo Renzi’s government and his centre-left parliamentary majority. However, several Democratic Party’s MPs decided not to support Renzi’s position, and used the ballot as a tool to oppose their leader due to different visions of the party, the government, policies, and the reform itself. The reform was approved earlier by an absolute majority in both houses of parliament, but the proposed changes required a two-thirds majority in parliament in order to be implemented without a referendum according to the Italian Constitution (art. 138.3). Since this threshold was not met in parliament, the referendum was called (by the Government) by collecting the required number of voter signatures, as stated by the art. 138.2, while the opponents to the reform were not able in getting the minimum number of required signatures (500.000).

The result of the referendum was both clear and decisive. Approximately 60% of voters cast a “NO” vote in opposition to the proposed reforms and only 40% voted in favor. Perhaps the most striking result was voter turnout. Nearly 70% of eligible voters cast a vote, a percentage that is similar to that reached in general elections in Italy (e.g., 75% in 2013). This figure also confirms that Italy remains a democracy with one of the highest electoral participation rates in the world. Despite this high turnout figure, one of the most notable features of the referendum is the persistent North-South divide in terms of turnout and the level of rejection of the reform. Rejection of the referendum was particularly high in southern regions, with peaks in Sicily, Sardinia, and Campania. Support for the referendum was limited and prevailed in only two regions (i.e., Tuscany and Emilia-Romagna), as well as in the province of Bolzano. Continua a leggere

The Five Star Movement: purely a matter of protest?

article on PARTY POLITICS (with D. Tuorto)

The success of the Italian party Five Star Movement (M5S) has been broadly attributed to its ability to occupy the space of radical protest against ‘‘old politics’’. Due to the party’s criticism, its charismatic leadership, and its aggressive electoral campaigns, the M5S has been labeled as a populist. The unexpected result of 2013 election raises crucial theoretical questions: To what extent does the M5S electorate reflect the characteristics of a protest vote? To what extent was it also a vote driven by values, by individual evaluations on a specific political issue?

images

The first part of the article aims to investigate the extent of negative political feelings among M5S’ voters. To disentangle the meaning and impact of protest, we distinguish two dimensions: the ‘‘system discontent’’ and the ‘‘e´lite discontent,’’ referring to both general and focalized images, sentiments toward and the representation of political institutions, voter power, and government performances. In the second part, we bring to the analysis a further explanation based on the theory of issue voting. The goal is to measure whether voters have chosen M5S purely because of their political resentment or also given that they shared a similar position on a number of crucial policies emphasized in the electoral campaign (view the full paper).

The Presidentialization of Political Parties on LSE blog

Edited by Gianluca Passarelli, new collection The Presidentialization of Political Parties: Organizations, Institutions and Leaders, explores why the level of party presidentialisation varies between countries, arguing that this is linked to both constitutional design and the genetic features of political parties. Although he finds that some of the country case studies provide stronger evidence for the book’s central argument than others, Raul Aldaz appraises this book as a valuable contribution to the field that will be of particular use to scholars of comparative politics.

The headlines on US politics, currently covering caucus elections, are filled with names – Clinton, Cruz, Rubio, Sanders, Trump – and their personal positions on a handful of policy issues, but they direct less attention to their parties or the ideological standpoints that Democrats and Republicans (should?) convey. Is modern politics therefore becoming a more person-centred phenomenon rather than party- or ideology-focused? And if so, why?

Presidential Podium

The increasing importance given to specific politicians and/or presidential candidates is part of a broader trend that goes well beyond the US: what we might term ‘the presidentialization of politics’. Part of this phenomenon is ‘the presidentialization of political parties’, which refers to the increasing influence that presidents have on the behaviour and organisation of their parties. This new book, edited by Gianluca Passarelli, consists of a collection of country cases that provide an in-depth analysis of the extent of this presidentialisation of political parties and two possible explanations for its occurrence. Continua a leggere

Centre-left Prime Ministerial Primaries in Italy: the laboratory of the ‘open party’ model

CIP

The 2005 Prime Ministerial Primaries held by the coalition of the centre left were less important for their immediate outcome than they were important as crucial events for the institutionalization of primaries in the process of building the Democratic Party. Those held in 2012 were a second step in the same process. Since the two elections differed significantly and were both ‘exceptional’, we first propose a rational narrative of the political strategies leading up to each of them and of the political dynamics that followed. We also analyse indicators of the level of public interest in such a competition and the candidates’ abilities to mobilize support beyond the party’s traditional electoral constituency. Our central argument is that, since the centre-left Prime Ministerial Primaries achieved the strategic goals of some of their proponents, this particular type of primary should be less frequent in the future, at least on the left of the political spectrum. Even though they did so in very different ways, they both strengthened the project of creating the Democratic Party as an ‘open party’, whose leader is chosen by a broad base of electors in a primary-like competition and is the party’s natural candidate for the premiership (view the full paper).

A cosa servono le elezioni?

mio commento al volume di Van Reybrouck 

Il titolo è fuorviante, Contro le elezioni. Il sottotitolo è errato, Perché votare non è più democratico. Il volume non è un pamphlet “contro le elezioni”, perché non è la tesi sostenuta da Van Reybrouck (autore sempre da Feltrinelli di Congo). Il quale non lo fa né dal punto di vista politico e teorico né sul piano empirico. L’argomento centrale è che esista uno scollamento crescente tra i cittadini/elettori e la democrazia.

L’asse portante del volume è un malcelato attacco alla Democrazia. Nulla di innovativo quanto a critiche al regime anelato da milioni di esseri umani per decenni, o addirittura a volte secoli. Questo punto rappresenta al contempo un chiaro elemento di debolezza dell’argomentazione, stante la longeva critica democratica cui il testo non aggiunge spunti, e il filone promettente di argomentazione, almeno potenziale. Manca l’affondo, la critica argomentata e “definitiva” al regime democratico. Di cui evidentemente le elezioni non sono che solo un aspetto, sebbene cruciale.

Inoltre sostenere che “votare non è più democratico” manifesta una distorsione analitica e concettuale, tanto nel merito quanto in prospettiva storica. I sistemi elettorali sono costruzioni umane di impianto politico-giuridico e come tali passibili di critiche e migliorie. La “bontà” di un sistema elettorale dipende dall’obiettivo che il legislatore si pone. Non ne esistono di “migliori” o di “peggiori” in assoluto, ma tali caratteristiche sono da considerare in relazione agli scopi.

elezioni

Continua a leggere

IL CENTRODESTRA E LE NUOVE CAMICIE VERDI-NERE

piazza-maggioreIl messaggio che arriva da Piazza Maggiore è in parte nuovo in parte vecchio, quasi antico. La rinnovata espressione della leadership di Lega Nord e Fratelli d’Italia rappresenta il nuovo conio, anche se in presenza di politici di professione e dalla lunga carriera politica. La riproposizione dello schema coalizionale “Casa della Libertà” (sul palco c’era anche il rappresentante del Partito dei pensionati) viceversa ribadisce il format classico dei conservatori italiani. Se per un verso sarebbe troppo banale ribadire che non è stata un’operazione “nostalgia” né che sarà plausibile ripetere i fasti del 1994 o del 2001, dall’altro andrebbe enfatizzato che trattasi di un elemento di forte continuità. La discontinuità dei protagonisti cela un profondo radicamento sociale e politico dell’alleanza. Dal 1993 (elezioni amministrative: fu Berlusconi proprio alle porte di Bologna che sdoganò l’alleanza con i post fascisti e con la Lega Nord) al 2011 quei partiti hanno marciato e colpito insieme, tranne che per un breve periodo in cui la Lega si è allontanata per “andare da sola”. Continua a leggere

THE PRESIDENTIALIZATION OF POLITICAL PARTIES

THE PRESIDENTIALIZATION OF POLTICAL PARTIES
My post on Presidential-power blog

PartiesPRESWhat actually makes a president of the Republic a leader in (semi-)presidential regimes? And when, if ever, is it possible that a party leader, once he or she has become the head of government in a parliamentary regime, can come close to the style of leadership in similar cases in which the separation of powers exists? If the institutions influence the behavior of politicians, and thus of the parties, it is necessary to understand and explain if and in what way it is possible to refer to ‘presidentialized’ party organizations outside of the institutional context that defines its characteristics: the presidential regime.

The presidentialization of politics is a relatively new and important phenomenon. However, the term presidentialization has become highly debatable. In particular, the more contentious side is offered by the suggestion that presidentialization of politics could make (semi) presidential regimes and parliamentary ones more similar to presidentialism. Continua a leggere

Il blairismo: riformismo o conservazione?

Blair«Non concentriamoci su come pensiamo di essere, ma su come siamo percepiti». E, «non potremo mai più essere i più grandi, ma potremmo essere i migliori». In queste due proposizioni di Tony Blair può essere riassunta l’azione riformatrice del leader laburista rispetto alla visione del suo partito, nel primo caso; e al progetto sociale ed economico di rilancio della Gran Bretagna, nel secondo.

Dopo quasi vent’anni dal 1 maggio del 1997 è opportuno rileggere le vicende che hanno attraversato la più longeva esperienza riformista del contesto europeo: dopo quattro sconfitte consecutive e diciotto anni di dominio conservatore, Blair, alla guida del partito laburista dal 1994, ottiene una storica ed eclatante (in voti e seggi) vittoria, riportando il Labour alla guida di Downing Street. Dove resterà fino al 2010, dopo la successione Gordon Brown-Tony Blair del 2007.

Per analizzare in forma compiuta e scevra da condizionamenti ideologici preconcetti una tale extra ordinaria vicenda politica, elettorale, sociale ed economica, è assai utile leggere il volume di Florence Faucher e Patrick Le Galès, meritoriamente edito in versione italiana da Franco Angeli. L’esperienza del New Labour è un agile e denso testo che aiuta a individuare i fattori discriminanti che hanno reso possibile tale affermazione di leadership, governo e partito.

La giornata che celebrava la Festa dei Lavoratori coincise con il trionfo del partito nato dalla costola del sindacato, e da questo sostenuto, dal conflitto, dalla frattura tra capitale e lavoro, nella patria dell’industrialismo. Erano gli anni del Mito e della retorica sul Centrosinistra “mondiale”, sull’Ulivo mondiale, sulla Terza Via mondiale. Si trattava di una sovrapposizione concettuale terribile, posto che ciascun lemma rimanda(va) a prospettive politiche e programmatiche solo parzialmente e superficialmente simili. Ma, si sa, le suggestioni fanno presa e la vittoria della Gauche plurielle del calvinista Jospin qualche mese dopo la prestazione di Blair, preceduta dalla storica affermazione dei post-comunisti in Italia e del secondo mandato del Presidente Bill Clinton, fecero il resto. La maggioranza dei Paesi europei governati da governi progressisti. Il resto è Storia.

Senza nessuna velleità né volontà di riassumere il contenuto del testo, mi limito a riportare due aspetti cruciali nell’azione dei governi Blair. Due chiavi di lettura complementari e mutuamente dipendenti. La prima, relativa alla riforma del partito: da Labour a New Labour. Non solo una distinzione e differenziazione semantica, ma una sostanziale e cospicua rivisitazione e rifondazione del partito. Su basi ideologiche e organizzative nuove. Rinnovate in termini sostanziali e formali per rispondere a una visione diversa di politica e di politiche.

La leadership del New Labour risiede in parlamento. Succede così per i partiti britannici in genere, prova ne sia la sfiducia dei deputati (quelli che noi chiamiamo «gruppi parlamentari» sono il partito) nei confronti di Margaret Thatcher e dello stesso Blair. Conferma che nei contesti parlamentari è cruciale essere, e rimanere, leader del proprio gruppo, pena la defenestrazione politica. Senza tanti complimenti.

In ogni caso il punto focale, seconda chiave di lettura, è che la modernizzazione sostenuta da Blair e dai suoi collaboratori (Gordon Brown in testa) mira a un disegno strategico in cui il partito diventa strumento per l’attuazione di riforme in un progetto a medio-lungo termine. Gli effetti delle politiche possono oggi essere analizzati in forma avalutativa e compiuta. Forse sarebbe il caso di ripetere l’operazione anche per i governi italiani, lasciandosi cioè alle spalle l’ansia della valutazione partigiana per ri-stabilire i giusti contorni di vicende complesse. Conoscere per decidere, raccogliere dati e informazioni su un lasso di tempo medio-lungo, altrimenti l’analisi scade nella cronaca corrente.

Viceversa, il volume di Faucher e Le Galès riporta con grande accuratezza i dati macro-economici, ma anche i dettagli relativi agli effetti controversi delle singole politiche. Frutto di discussioni, approfondimenti, analisi accurate dello staff governativo che adotta un approccio «razionalista» e votato ai paradigmi del New Public Management: lo Stato non è più erogatore di servizi universali, ma si fa garante della regolazione e competizione tra soggetti, spesso privati, che forniscono prestazioni in vari settori sociali ed economici.

Emerge una Great Britain che (forse) non ti aspetti: il Paese con la maggiore povertà tra minori (con condizioni, mutatis mutandis, che però sono “simili” a quelle raccontate magistralmente dal Dickens di Oliver Twist). Anche perché le politiche familiari sono molto deboli e le ragazze madri (single) sono una ferita non adeguatamente lenita dal welfare britannico. Ferita solo enunciata da Blair.

Il Ken Loach di Piovono pietre o di Riff-Raff. Povertà e violenza. Miseria e periferia, capitalismo selvaggio e assenza di sostegno governativo. Effetto in larga misura dell’azione promossa dalla Lady di ferro che si spese per una politica hands-off nelle vicende sociali: il mercato ri-stabilirà gli equilibri. È il trionfo del darwinismo sociale. The Spirit of ’45, ancora Loach, richiama quale fosse lo “spirito”, la visione politica che diede impulso per la nascita del Welfare State. Cui Blair e il New Labour non risponderanno con un nuovo «statalismo», ma con un’azione regolatrice dello Stato, benché gli investimenti statali furono cospicui specialmente in ambito sanitario e scolare. Tema dunque della disuguaglianza cui il New Labour ha tentato di dare una risposta su basi soggettive e mitigando gli effetti del capitalismo e non già in termini strutturali. La distanza tra i meno abbienti e i più ricchi è in parte diminuita, ma rimangono distanze abissali in un Paese tra i più diseguali al mondo.

6793734_piovonopietreLa vittoria conservatrice del 2010 (si veda il testo di G. Baldini e J. Hopkin, La Gran Bretagna di Cameron) e la successione all’interno della leadership del New Labour aprono nuovi scenari e pongono il partito di fronte a nuove sfide, interne e internazionali. Per affrontare le quali, in ogni caso, la classe dirigente laburista dovrà «fare i conti» con gli anni dei governi Blair. Continua a leggere