The Presidentialization of Political Parties on LSE blog

Edited by Gianluca Passarelli, new collection The Presidentialization of Political Parties: Organizations, Institutions and Leaders, explores why the level of party presidentialisation varies between countries, arguing that this is linked to both constitutional design and the genetic features of political parties. Although he finds that some of the country case studies provide stronger evidence for the book’s central argument than others, Raul Aldaz appraises this book as a valuable contribution to the field that will be of particular use to scholars of comparative politics.

The headlines on US politics, currently covering caucus elections, are filled with names – Clinton, Cruz, Rubio, Sanders, Trump – and their personal positions on a handful of policy issues, but they direct less attention to their parties or the ideological standpoints that Democrats and Republicans (should?) convey. Is modern politics therefore becoming a more person-centred phenomenon rather than party- or ideology-focused? And if so, why?

Presidential Podium

The increasing importance given to specific politicians and/or presidential candidates is part of a broader trend that goes well beyond the US: what we might term ‘the presidentialization of politics’. Part of this phenomenon is ‘the presidentialization of political parties’, which refers to the increasing influence that presidents have on the behaviour and organisation of their parties. This new book, edited by Gianluca Passarelli, consists of a collection of country cases that provide an in-depth analysis of the extent of this presidentialisation of political parties and two possible explanations for its occurrence. Leggi tutto “The Presidentialization of Political Parties on LSE blog”

Centre-left Prime Ministerial Primaries in Italy: the laboratory of the ‘open party’ model

CIP

The 2005 Prime Ministerial Primaries held by the coalition of the centre left were less important for their immediate outcome than they were important as crucial events for the institutionalization of primaries in the process of building the Democratic Party. Those held in 2012 were a second step in the same process. Since the two elections differed significantly and were both ‘exceptional’, we first propose a rational narrative of the political strategies leading up to each of them and of the political dynamics that followed. We also analyse indicators of the level of public interest in such a competition and the candidates’ abilities to mobilize support beyond the party’s traditional electoral constituency. Our central argument is that, since the centre-left Prime Ministerial Primaries achieved the strategic goals of some of their proponents, this particular type of primary should be less frequent in the future, at least on the left of the political spectrum. Even though they did so in very different ways, they both strengthened the project of creating the Democratic Party as an ‘open party’, whose leader is chosen by a broad base of electors in a primary-like competition and is the party’s natural candidate for the premiership (view the full paper).

A cosa servono le elezioni?

commento al volume di Van Reybrouck 

Il titolo è fuorviante, Contro le elezioni. Il sottotitolo è errato, Perché votare non è più democratico. Il volume non è un pamphlet “contro le elezioni”, perché non è la tesi sostenuta da Van Reybrouck (autore sempre da Feltrinelli di Congo). Il quale non lo fa né dal punto di vista politico e teorico né sul piano empirico. L’argomento centrale è che esista uno scollamento crescente tra i cittadini/elettori e la democrazia.

L’asse portante del volume è un malcelato attacco alla Democrazia. Nulla di innovativo quanto a critiche al regime anelato da milioni di esseri umani per decenni, o addirittura a volte secoli. Questo punto rappresenta al contempo un chiaro elemento di debolezza dell’argomentazione, stante la longeva critica democratica cui il testo non aggiunge spunti, e il filone promettente di argomentazione, almeno potenziale. Manca l’affondo, la critica argomentata e “definitiva” al regime democratico. Di cui evidentemente le elezioni non sono che solo un aspetto, sebbene cruciale.

Inoltre sostenere che “votare non è più democratico” manifesta una distorsione analitica e concettuale, tanto nel merito quanto in prospettiva storica. I sistemi elettorali sono costruzioni umane di impianto politico-giuridico e come tali passibili di critiche e migliorie. La “bontà” di un sistema elettorale dipende dall’obiettivo che il legislatore si pone. Non ne esistono di “migliori” o di “peggiori” in assoluto, ma tali caratteristiche sono da considerare in relazione agli scopi.

26-04-07_Hemicycle_STG_2-2

Leggi tutto “A cosa servono le elezioni?”

IL CENTRODESTRA E LE NUOVE CAMICIE VERDI-NERE

piazza-maggioreIl messaggio che arriva da Piazza Maggiore è in parte nuovo in parte vecchio, quasi antico. La rinnovata espressione della leadership di Lega Nord e Fratelli d’Italia rappresenta il nuovo conio, anche se in presenza di politici di professione e dalla lunga carriera politica. La riproposizione dello schema coalizionale “Casa della Libertà” (sul palco c’era anche il rappresentante del Partito dei pensionati) viceversa ribadisce il format classico dei conservatori italiani. Se per un verso sarebbe troppo banale ribadire che non è stata un’operazione “nostalgia” né che sarà plausibile ripetere i fasti del 1994 o del 2001, dall’altro andrebbe enfatizzato che trattasi di un elemento di forte continuità. La discontinuità dei protagonisti cela un profondo radicamento sociale e politico dell’alleanza. Dal 1993 (elezioni amministrative: fu Berlusconi proprio alle porte di Bologna che sdoganò l’alleanza con i post fascisti e con la Lega Nord) al 2011 quei partiti hanno marciato e colpito insieme, tranne che per un breve periodo in cui la Lega si è allontanata per “andare da sola”. Leggi tutto “IL CENTRODESTRA E LE NUOVE CAMICIE VERDI-NERE”