Bocca di rosa non abita a Bologna

Il mio editoriale per il Corriere di Bologna-Corriere della Sera

Meretrici, prostitute, donnacce. Le parole contano, pesano. Come pietre. Meglio sarebbe per chiarezza chiamare le donne che vendono il proprio sesso sulle strade della città e del nord-est, con il vero nome: schiave.  Ma come canta il poeta Guccini “di certe cose non si è mai parlato”. Perché in fondo Bologna oltre che la sedicente “più progressista” è anche molto ipocrita, provinciale, e spesso mette la testa sotto la sabbia. Altrimenti non si spiegherebbe il silenzio della politica, l’afonia del femminismo reattivo a ogni violazione delle desinenze sulla carta intestata e nei protocolli. La sostanza parla chiaro. Migliaia di giovani donne rapite, frutto della tratta sulla rotta balcanica e su quella africana, oggetto di violenze, ricatti e prigionia. Gettate in mezzo alla strada a soddisfare i pruriti borghesi dei maschi metropolitani e del proletariato in cerca d’evasione da sé stesso. 

Leggi tutto “Bocca di rosa non abita a Bologna”

Bologna non è Cremona. Ma nemmeno una continua guerriglia urbana

Il mio editoriale di oggi per il Corriere di Bologna-Corriere della Sera

A fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro… che ti epura.” Pietro Nenni, socialista, non proprio dal temperamento molle, sintetizzò egregiamente e solennemente il rischio del massimalismo, dell’ortodossia rispetto al pragmatismo idealista dei riformisti. Tacciati appunto di tradimento rispetto al verbo del proprio campo di riferimento, la sinistra. Una storia antica, che rimanda agli inizi del secolo scorso e che ancora si trascina e riemerge carsicamente. Salvo che a lanciare anatemi non sono gruppi espressione di forze alternative a quella dominante, ma componenti che un tempo sarebbero state indicate come settarie. Nel caso di Bologna questa tensione ha una lunga, e oserei dire nobile, tradizione consumatasi tra le mura domestiche, ma con ripercussioni anche nazionali. 

Leggi tutto “Bologna non è Cremona. Ma nemmeno una continua guerriglia urbana”

Il ruolo chiave che hanno i partiti

Il mio editoriale di oggi per il Corriere di Bologna-Corriere della Sera

La democrazia è fatta di partiti politici. Senza, semplicemente la democrazia non esisterebbe. Poiché rimanderebbe ad una società monista, e pertanto autoritaria. Le organizzazioni politiche garantiscono pluralità, differenziazione di interessi e partecipazione politica. Non è un caso se la Costituzione italiana serba loro un ruolo chiave quali associazioni che garantiscono ai cittadini di organizzarsi liberamente per “concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale” (art. 49).

Leggi tutto “Il ruolo chiave che hanno i partiti”

Dei diritti e dei doveri

Il mio editoriale per il Corriere di Bologna-Corriere della Sera

Anche nella città sedicente “più progressista d’Italia” (perché non d’Europa?) proliferano le istanze rivendicative di diritti, prevalentemente individuali. Giustamente. Ma ormai siamo al profluvio, quasi catartico, di richieste che talvolta travalicano il confine del “legittimo interesse” per strabordare nella sfera della pretesa. Con il rischio di confliggere con altrui, altrettanto legittimi, interessi e diritti e perfino con l’interesse collettivo, al netto della parzialità sempre mutabile di quest’ultimo. L’egocentrismo, l’individualismo assunto a ideologia ha raggiunto tratti parossistici, non solo in Italia. Il punto è che le istanze, i reclami, i proclami, le richieste e le rivendicazioni sono soltanto una componente della sfera civile. Del resto, non è strano e nemmeno fortuito, se la Carta costituzionale, nella prima parte, subito dopo i principi fondamentali riservi alla sfera dei diritti e doveri dei cittadini quattro “sezioni” che regolano e normano i rapporti civili, sociali, economici e politici. La Costituzione limita, ad esempio, la mobilità “per motivi di sanità o di sicurezza”, e mai, si badi, per motivi politici. Intima ai genitori di istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. Regolamenta lo sciopero, e prescrive che l’attività economica privata non possa svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. Anche l’esercizio del voto è rappresentato quale dovere civico, fino alla difesa della Patria quale sacro dovere del cittadino. Trattandosi di un consesso sociale, la Carta, molto progressista effettivamente, impone che tutti debbano concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Come avrebbe detto Jürgen Habermas il welfare state come una sorta di solidarietà coatta. L’apogeo della chiamata al dovere pubblico si ha in riferimento, ovviamente, alla fedeltà alla Repubblica nonché alla Costituzione e alle leggi. Ma, un richiamo davvero repubblicano, lo si ritrova in riferimento a quanti ricoprano funzioni pubbliche che hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore.

Tuttavia, a fronte di tali indicazioni, il dibattito politico, sociale e finanche quello intellettuale- sempre più conformista e pavido – è saldamente abbarbicato nella difesa aprioristica di qualsivoglia gemito identitario, per paura di apparire conservatore. E perciò risultando fuori fase. Trascura completamente la seconda componente di quella importante sezione, i doveri. Il rispetto delle regole, delle norme sociali- scritte e consuetudinarie- è relegato in secondo piano, è fuori dall’agenda. Non è mai entrato in partita nemmeno nella recente campagna elettorale, a tratti sciapa e monocorde. Sebbene una cospicua fetta del pensiero politico, filosofico, etico, e religioso, si innervino attorno all’intersezione tra diritti e doveri. Sull’asse del rispetto del bene pubblico, degli individui, senza che però questo sfoci nella prevaricazione di un diritto singuli

Leggi tutto “Dei diritti e dei doveri”